Ecco i vincitori del VII Campionato regionale di potatura dell’olivo allevato a “vaso policonico”

Mario Di Giacinto (2 clas.), Gioacchino Miceli (1 clas.), Federico Samperi (3 clas.))
Mario Di Giacinto (2 clas.), Gioacchino Miceli (1 clas.), Federico Samperi (3 clas.))

Gioacchino Miceli, Mario Di Giacinto e Federico Samperi, sono rispettivamente i tre vincitori del VII Campionato regionale di potatura dell’olivo allevato a “vaso policonico” tenutosi in C.da Villaura presso l’azienda agricola “Loreto Migliore” nei pressi dell’area museo Himera nel territorio di Termini Imerese (PA). Ai primi tre classificati sono stati assegnati rispettivamente dei buoni acquisto di 500, 400 e 300 euro messi a disposizione della Pellenc e una targa ricordo. La kermesse, giunta alla settima edizione, è stata organizzata dall’Università di Palermo, Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali, dall’Assessorato Regionale Sicilia U.I.A. Di Lercara Friddi, dalla testata giornalistica e Sicilia Agricoltura, dall’Associazione dei giornalisti Arga Sicilia e dall’A.N.A.S. Italia zonale di Collesano. La leggera pioggerellina non ha minimamente impressionato i ventisette potatori, provenienti da tutta la regione, che si sono sfidati potando tre piante ciascuno in 30 minuti complessivi, rigorosamente da terra e solo con attrezzatura manuale. Al termine della competizione una giuria qualificata di esperti, costituita da Giuseppe Campisi, Mario Liberto, Pippo Ricciardi e Francesco Bruscato, hanno valutato il lavoro svolto dai concorrenti assegnando a ciascuna pianta potata un punteggio basato su cinque parametri: conformazione della cima, equilibrio tra le branche primarie, conformazione delle branche secondarie, equilibrio vegeto-produttivo, rispondenza alla forma ideale. I primi 3 classificati hanno conquistato il diritto di partecipare al 16° Campionato Nazionale di potatura dell’olivo allevato a vaso policonico, “Forbici d’oro”, che si terrà quest’anno il 7 aprile 2018 a Cerchiara di Calabria (CS).

Precedente Olio di oliva: il panel test non si tocca, di Mario Liberto Successivo La due giorno di Ustica sulla Dieta Mediterranea di Giorgio Fiammella