Anno 2015, Agriturismi in Sicilia, di Mario Liberto

Dati azinde agrituristiche 2015Gli operatori agrituristici siciliani autorizzati, ai sensi della legge regionale n. 25 del 9.6.2004 e successive proroghe e modificazioni, per il 2015 sono 612. Inoltre, dall’analisi dei dati degli ultimi cinque anni (2010 – 2015)  l’attività agrituristica  in Sicilia è cresciuta soltanto di 58 aziende (9,4%) un numero esiguo a fronte della disponibilità degli aiuti del PSR Sicilia 2007-2014; bisogna evidenziare che molte aziende hanno usufruito di tali contributi per potenziare la loro attività ricettiva (piscina, punti vendita, ecc.). Un dato completo potrà aversi alla fine del PSR Sicilia 2007-2014 previsto per la fine di dicembre 2016.

cinque anniQuesti dati, confrontati con quelli di altre regioni d’Italia, come ad esempio la Toscana, le cui aziende agrituristiche nel 2010 erano 4,061 o le 2.836 del Trentino Alto Adige, evidenziano l’enorme divario esistente con la nostra isola, in considerazione anche dell’enorme potenzialità sicilians.  Le 612 aziende, cioè il 69,9% (428) è condotta da uomini, mentre la quota rosa è di 30,1% (184); quest’ultimo dato è un po’ inferiore rispetto alla media nazionale che si attesta intorno al 38% circa. L’agriturismo è servito anche a riportare le donne in campagna con il risultato che è migliorata la qualità, il gusto e l’accoglienza, fenomeno che ha interessato non solo le aziende isolane, ma anche le altre del resto d’Italia. Le aziende agrituristiche sono maggiormente concentrate nella Sicilia Orientale 416 (67,9%), mentre nella Sicilia Occidentale troviamo 110 aziende il (16,50%). La provincia di Siracusa con 110 aziende (16,50%) mantiene il primo posto, seguita dalla provincia di Messina con 101 aziende. Al terzio posto si colloca la provincia di Palermo con 84 aziende (13,7%) mentre la provincia di Catania è al 4 posto con 84 aziende. Oggi l’alloggio e la ristorazione costituiscono le principali attività agrituristiche. E’ cresciuto rispetto all’anno precedente anche il numero di aziende con posti letto 523 (85,4%) raggiungendo il numero di 10.406; in cima alla classifica troviamo la provincia di Siracusa con 1.937 posti di ristorazione, seguito dalla provincia di Messina 1.796 e Palermo 1.707.Come posti letto con 1.747 troviamo in testa la provincia di Palermo, a seguire, rispettivamente, Messina con 1.672 e Catania 1.475. Tra i comuni con un maggiore numero di  aziende agrituristiche abbiamo Noto con 53, seguito da Ragusa 25, Modica 18, Siracusa 16. Desta curiosità il dato che riguarda la provincia di Trapani,  delle 50 aziende agrituristiche solo sette si trovano nell’area interna, mentre le restanti si trovano a pochi chilometri dal mare. Chi vuole coniugare mare e campagna nelle isole, Pantelleria (1) Lipari (3), Stromboli (1) e Ustica (2)  si trovano ben sette aziende. Il giro d’affari annuo complessivo per tutte le aziende agrituristiche italiane supera il miliardo di euro, con un fatturato medio delle aziende che appare in leggera ma progressiva diminuzione visto l’aumento del numero delle unità, arrivando ad attestarsi poco al di sotto dei 60 mila euro.

Precedente Le fattorie e aziende didattiche andamento 2015, Mario Liberto Successivo Sagre: meno polemiche e più Doc, di Mario Liberto