Sottomisura 4.1 “Sostegno a investimenti nelle aziende agricole”, istruzione per l’uso, di Mario Liberto

Immagine

psr-sicilia-2014-2020-agricolturaLa tanto attesa Sottomisura 4.1 “Sostegno a investimenti nelle aziende agricole”, conosciuta come la ex 121 della passata programmazione è al nastro di partenza. Con la pubblicazione recente delle “disposizioni attuative” della Misura, che ne indica le modalità di applicazione e la tempistica, anticipa l’emissione del bando, che avverrà a breve, consentendo così la presentazione della domanda di aiuto. “SiciliaAgricoltura”, ancor prima della presentazione della domanda di aiuto, vuole offrire, come sempre, dei suggerimenti tecnico-pratici per evitare di incorrere in alcuni problematiche difficili, successivamente, da dipanare. Continua a leggere

Presentato a Montecatini Terme il nuovo libro di Mario Liberto: “Legumi: Gioielli d’Italia”

Immagine

Libro legumi foto“In un prossimo futuro dovremmo scegliere: mangiare insetti o legumi, alimenti indispensabili per sopperire al bisogno proteico dell’alimentazione umana”. Un’affermazione che lo scrittore e giornalista siciliano Mario Liberto (Presidente dell’Arga Sicilia) ha detto nel corso della sua presentazione del suo nuovo libro “Legumi: gioielli d’Italia” Agra Editrice Roma, svoltasi a Montecatini Terme nel corso della quarta edizione del festival “Food&Book 2016 – La cultura del cibo, il cibo nella cultura”. “Il libro ha l’obiettivo di recuperare la tradizione italiana dei legumi e il loro contesto rurale provvedendo a valorizzarne l’uso e non far morire la presenza di queste specie singolari, non a torto definiti gioielli, nell’ambito di una sofferente e riscoperta della biodiversità italiana. Legumi che nelle aree povere, così come in quelle ricche, grazie al loro alto valore nutritivo, li rendono perfetti per combattere la malnutrizione, come mancanza di cibo, ma anche per sostituire l’eccessivo cibo calorico ingerito responsabile dell’obesità”. Continua a leggere

Corso di intreccio di materiale vegetale, Mario Liberto

Immagine

intreccio4

Dal 29 al 30 ottobre 2016 si svolgerà presso l’azienda agrituristica “Casale di Riena”, in territorio di Castronovo di Sicilia (PA), un appassionate corso di  “Intreccio di materiale vegetale”. L’evento è organizzato dall’azienda agrituristica “Casale di Riena, dal giornale  “Sicilia Agricoltura” e ARGA Sicilia. Docente del corso sarà il noto otorinolaringoiatria palermitano  Dr. Francesco Caruso appassionato cultore dell’arte dell’intreccio di piante vegetali. L’intreccio di materiale vegetale ha rappresentato per il mondo rurale, e non solo, un momento in cui uomini e donne  nella lavorazione  raggiungevano la massima integrazione. Agli uomini era relegato il lavoro di raccolta e di preparazione dei vegetali, come canne, palme, verghe di olmo, salice, olivastro, asfodelo, giunco, ma anche la preparazione  di  contenitori e recipienti di uso quotidiano, panieri e cestini, ecc. in passato per uso estremamente agricolo, oggi, per  venderli  ai turisti, in ricordo dell’antica arte rurale. Le donne, viceversa, intrecciavano materiale più leggero come l’ asfodelo e i culmi di fieno di grano o le foglie di palma nana. Il costo di partecipazione è di 10 € (acquisto materiale).  Per prenotazioni telefonare al numero  3393506243 o [email protected]

Mario Liberto a Food & Book di Montecatini Terme per presentare il suo nuovo libro “Legumi: gioielli d’Italia”, in occasione del 2016 – proclamato dalla FAO Anno dei Legumi.

Immagine

fgdfgdfgdfDal 14 al 16 ottobre 2016 a Montecatini Terme, in Toscana, si terrà la quarta edizione del festival “Food&Book, la cultura del cibo, il cibo nella cultura”, con protagonisti noti scrittori che nei loro romanzi raccontano il cibo e chef che lo esaltano nelle loro ricette e spesso in libri di successo. Presente anche lo scrittore e giornalista siciliano Mario Liberto (Presidente Arga Sicilia) che presenterà alle ore 13.00 – Caffè Tettuccio – il suo nuovo libro “Legumi: gioielli d’Italia” Agra Editrice Roma. Il libro ha l’obiettivo di recuperare la tradizione italiana dei legumi e il loro contesto rurale provvedendo a valorizzarne l’uso e non far morire la presenza di queste specie singolari, non a torto definiti gioielli, nell’ambito di una sofferente e riscoperta della biodiversità italiana. Continua a leggere

Sagre: meno polemiche e più Doc, di Mario Liberto

Immagine

 

Sagre postOgni paese della Sicilia si contraddistingue per la produzione di un prodotto tipico. Un connubio così forte che potrebbe spingere i più fieri a inserire il proprio prodotto nel gonfalone comunale. Prodotti custoditi gelosamente da ogni comunità, che come austeri vessilli, dominano su uomini e cose, e rappresentano pietre miliari di un’enogastronomia che non ha origine e confini. Spesso si va oltre. Il prodotto tipico diventa caratterizzazione al punto di essere ‘n’giuriati con appellativi (cipuddara, cirasara, ecc.) che riconducono alla produzione locale. Prodotto tipico che racchiude in sé: aspetti culturali (storia, tradizione, folklore), aspetti religiosi (feste, riti sacri), aspetti sociali (mangiare sano e genuino, salvaguardia dei beni naturali), ma anche quelli economici (occupazione, sviluppo). A queste peculiarità va aggiunto quello salutistico, infatti, la maggior parte di essi costituiscono il gruppo degli alimenti della tanto decantata «Dieta Mediterranea». Continua a leggere